Up Flash Back 2018 Slideshow

Flash Back_001
Flash Back_002
Flash Back_038
Flash Back_003
Flash Back_004
Flash Back_005
Flash Back_006
Flash Back_007
Flash Back_008
Flash Back_009
Flash Back_010
Flash Back_011
Flash Back_012
Flash Back_013
Flash Back_014
Flash Back_015
Flash Back_016
Flash Back_017
Flash Back_018
Flash Back_019
Flash Back_020
Flash Back_021
Flash Back_022
Flash Back_023
Flash Back_024
Flash Back_025
Flash Back_026
Flash Back_027
Flash Back_028
Flash Back_029
Flash Back_030
Flash Back_031
Flash Back_032
Flash Back_033
Flash Back_034
Flash Back_035
Flash Back_036
Flash Back_037
Flash Back_039
Flash Back_040
Flash Back_041
Flash Back_042
Flash Back_043
Flash Back_044
Flash Back_045
Flash Back_046
Flash Back_047
Flash Back_048
Flash Back_049
Flash Back_050
Flash Back_051
Flash Back_052
Flash Back_053
Flash Back_054
Flash Back_055
Flash Back_056
Flash Back_057
Flash Back_058
Flash Back_059
Flash Back_060
Flash Back_061
Flash Back_062
Flash Back_063
Flash Back_064
Flash Back_065
Flash Back_066
Flash Back_067
Flash Back_068
Flash Back_069
Flash Back_070
Flash Back_071
Flash Back_072
Flash Back_073
Flash Back_074
Flash Back_075
Flash Back_076
Flash Back_077
Flash Back_078
Flash Back_079
Flash Back_080
Flash Back_081
Flash Back_082
Flash Back_083
Flash Back_084
Flash Back_085
Flash Back_086
Flash Back_087
Flash Back_088
Flash Back_089
Flash Back_090
Flash Back_091
Flash Back_092
Flash Back_093
Flash Back_094
Flash Back_095
Flash Back_096
Flash Back_097
Flash Back_098
Flash Back_099
Flash Back_100
Flash Back_101
Flash Back_102
Flash Back_103
Flash Back_104
Flash Back_105
Flash Back_106
Flash Back_107
Flash Back_108
Flash Back_109
Flash Back_110
Flash Back_111
Flash Back_112
Flash Back_113
Flash Back_114
Flash Back_115
Flash Back_116
Flash Back_117
Flash Back_118
Flash Back_119
Flash Back_120
Flash Back_121
Flash Back_122
Flash Back_123
Flash Back_124
Flash Back_125
Flash Back_126
Flash Back_127
Flash Back_128
Flash Back_129
Flash Back_130
Flash Back_131
Flash Back_132
Flash Back_133
Flash Back_134
Flash Back_135
Flash Back_136
Flash Back_137
Flash Back_138
Flash Back_139
Flash Back_140
Flash Back_141
Flash Back_142
Flash Back_143
Flash Back_144
Flash Back_145
Flash Back_146
Flash Back_147
Flash Back_148
Flash Back_149
Flash Back_150
Flash Back_151
Flash Back_152
Flash Back_153
Flash Back_154
Flash Back_155
Flash Back_156
Flash Back_157
Flash Back_158
Flash Back_159
Flash Back_160
Flash Back_161
Flash Back_162
Flash Back_163
Flash Back_164
Flash Back_165
Flash Back_166
Flash Back_167
Flash Back_168
Flash Back_169
Flash Back_170
Flash Back_171
Flash Back_172
Flash Back_173
Flash Back_174
Flash Back_175
Flash Back_176
Flash Back_177
Flash Back_178
Flash Back_179
Flash Back_180
Flash Back_181
Flash Back_182
Flash Back_183
Flash Back_184
Flash Back_185
Flash Back_186
Flash Back_187
Flash Back_188
Flash Back_189
Flash Back_190
Flash Back_191
Flash Back_192
Flash Back_193
Flash Back_194
Flash Back_195
Flash Back_196
Flash Back_197
Flash Back_198
Flash Back_199
Flash Back_200
Flash Back_201
Flash Back_202
Flash Back_203
Flash Back_204
Flash Back_205
Flash Back_206
Flash Back_207
Flash Back_208
Flash Back_209
Flash Back_210
Flash Back_211
Flash Back_212
Flash Back_213
Flash Back_214
Flash Back_215
Flash Back_216
Flash Back_217
Flash Back_218
Flash Back_219
Flash Back_220
Flash Back_221
Flash Back_222
Flash Back_223
Flash Back_224
Flash Back_225
Flash Back_226
Flash Back_227
Flash Back_228
Flash Back_229
Flash Back_230
Flash Back_231
Flash Back_232
Flash Back_233
Flash Back_234
Flash Back_235
Flash Back_236
Flash Back_237
Flash Back_238
Flash Back_239
Flash Back_240
Flash Back_241
Flash Back_242
Flash Back_243
Flash Back_244
Flash Back_245
Flash Back_246
Flash Back_247
Flash Back_248
Flash Back_249
Flash Back_250
Flash Back_251
Flash Back_252
Flash Back_253
Flash Back_254
Flash Back_255
Flash Back_256
Flash Back_257
Flash Back_258
Flash Back_259
Flash Back_260
Flash Back_261
Flash Back_262
Flash Back_263
Flash Back_264
Flash Back_265
Flash Back_266
Flash Back_267
Flash Back_268
Flash Back_269
Flash Back_270
Flash Back_271
Flash Back_272
Flash Back_273
Flash Back_274
Flash Back_275
Flash Back_276
Flash Back_277
Flash Back_278
Flash Back_279
Flash Back_280
Flash Back_281
Flash Back_282
Flash Back_283
Flash Back_284
Flash Back_285
Flash Back_286
Flash Back_287
Flash Back_288
Flash Back_289
Flash Back_290
Flash Back_291
Flash Back_292
Flash Back_293
Flash Back_294
Flash Back_295
Flash Back_296
Flash Back_297
Flash Back_298
Flash Back_299
Flash Back_300
Flash Back_301
Flash Back_302
Flash Back_303
Flash Back_304
Flash Back_305
Flash Back_306
Flash Back_307
Flash Back_308
Flash Back_309
Flash Back_310
Flash Back_311
Flash Back_312
Flash Back_313
Flash Back_314
Flash Back_315
Flash Back_316
Flash Back_317
Flash Back_318
Flash Back_319
Flash Back_320
Flash Back_321
Flash Back_322
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2018



FLASH BACK - L'ARTE E' TUTTA CONTEMPORANEA

Pala Alpitour, Torino - 1/4 Novembre 2018

 

Torino, 02 Novembre 2018

 La VI edizione di flashback l'arte è tutta contemporanea, approda su 'le rive' del Pala Alpitour di Torino l'11 novembre rivelando le novità di quest'anno: tra le gallerie, tante conferme, graditi ritorni e 'new entries; un programma ricco e articolato che comprende lo special project Opera Viva di Alessandro Bulgini, le flashback exhibition - il uve painting di Francesco Valori e le opere di Tony Matelli -, i flashback sound che vanno dalla performance sonora ai mixing sound, passando per l'art lounge room, i flashback lab di Mariachiara Guerra, i numerosi flashback talk, le art class e la sezione flashback video con un'installazione ad altissima definizione di Quayola.

Il filo conduttore di flashback 2018 è mutuato dal libro di fantascienza di Chad Oliver Le rive di un altro mare che racconta di rapporti tra realtà differenti e in continua ridefinizione, un dialogo tra diverse forme di civiltà, diversi mondi. E così anche le opere d'arte presenti in fiera sono l'emblema dell'idea di mixité culturale e temporale come attitudine antropologica, tipica dell'approccio di flashback, e la conferma del claim che da sempre accompagna la fiera ovvero l'arte è tutta contemporanea. Le gallerie che quest'anno hanno condiviso la proposta delle direttrici Stefania Poddighe e Ginevra Pucci sono Aleandri Arte Moderna, Roma (I) - W. Apolloni, Roma (I) - Arcuti Fine Art, Roma (I) - Benappi Arte Antica e Moderna, Torino (I) - Biasutti & Biasutti, Torino (I) - Maurizio Candiani, San Mauro Torinese TO (I) - Galleria Luigi Caretto, Torino (I), Madrid (E) - Caretto & Occhinegro, Torino (I) - Mirco Cattai Fine Art & Antique Rugs, Milano (I) - Cecchetto e Prior Alto Antiquariato, Asolo TV, Castelfranco Veneto TV (I) - Ceci Antichità, Serramazzoni MO (I) - Glenda Cinquegrana Art Consulting, Milano (I) - Copetti Antiquari, Udine (I) - Galleria Del Ponte, Torino (I) - F & F Antichità, Perugia (I) - Enrico Frascione, Firenze (I) - Frascione Arte, Firenze (I) - Galleria dello Scudo, Verona (I) - Galleria Giamblanco, Torino (I) - Gilistra Japanese Art, Torino (I) - Galleria del Laocoonte, Roma (I) - Il Cartiglio, Torino (I) - Il Castello, Milano (I) - Cesare Lampronti, Londra (UK), Roma (I) - Maison d'Art, Monaco (MC) - Gallerie Maspes, Milano (I) - Mazzoleni, Londra (UK), Torino (I) - MB Arte Libri, Milano (I) - Il Mercante delle Venezie, Vicenza (I) - Lorenzo e Paola Monticone Gioielli d'epoca, Torino (I) - Moretti Fine Art, Londra (UK), Monaco (MC), Firenze (I) - Galleria Mossini, Mantova (I) - Open Art, Prato (I) - Pegaso, Giussago PV (I) - Flavio Pozzallo, Oulx TO (I) - Galleria Allegra Ravizza, Lugano (CH), Honolulu H! (USA) - Galleria d'Arte Roccatre, Torino (I) - Galleria Russo, Roma (I) - Schreiber Collezioni, Torino (I) - Secol-Art di Masoero, Torino (I) - Galleria Silva, Milano (I) - Gian Enzo Sperone, Sent (CH), New York (USA) - Società di Belle Arti, Viareggio LU (I) - Galleria Torbandena, Trieste (I) - Tomabuoni Arte, Firenze, Milano, Forte dei Marmi LU (I), Parigi (F), Londra (UK) - Untitled Association, Roma (I).

Le opere di flashback 2018 rappresentano la reale possibilità di convivenza e mescolanza di stili, epoche e culture. Opere come Teseo Che Uccide II Minotauro, una pelika attica del V secolo a.c. della galleria Maurizio Candiani o la Coppia di versatoi a guisa di oca, dinastia Han occidentali (206 a. C. - 9 d.C.), di Schreiber Collezioni, fino ai lavori dell'artista ungherese Hopp-Halasz degli anni '70 o le sculture di Luigi Ontani che raffigurano l'incontro/scontro tra diversi e l'incanto dell'eterogeneità. Segnaliamo nell'insieme espositivo alcune tra le opere dedicate al mare, all'acqua, al viaggio, dunque particolarmente affini al tema di quest'anno: il Nauta in piombo di Francesco Somaini, navigatore e marinaio, esposto alla XXX Biennale di Venezia, di Open Art; Xe-Hal, il volo del gabbiano, simbolo del sacrificio e del viaggio alla ricerca della conoscenza, di Piero Gilardi della galleria Biasutti & Biasutti; l'aura romantica e le suggestioni cromatiche del vedutismo settecentesco di Francesco Fidanza nella Scena di pescatori in un porto mediterraneo di Maison d'Art. Il sensazionale Senza Titolo di Alberto Savinio del 1930 della galleria Mazzoleni che ci mostra l'approdo su Le rive di un altro mare (il viaggio, e in particolare il mito degli argonauti, è infatti un tema caro a Savinio: 50 eroi sotto la guida di Giasone compiono un avventuroso viaggio a bordo della nave Argo alla ricerca del vello d'oro, alla scoperta dunque di nuovi mondi e di nuove opportunità). Infine, le donne e l'acqua: la Venere anadiomene II nascente dal mare di Carlo Carrà della Galleria dello Scudo e la scultura raffigurante La Temperanza impegnata nello scambio delle acque di Jacopo della Pila (attestato a Napoli tra il 1470 —1520) di F & F Antichità.

3 artisti (Dialogue) e la sezione dedicata alle edizioni di artisti contemporanei (Art Spaces & Editions). Il format di flashback nasce con la consapevolezza che immagine e contenuti siano gli elementi necessari per strutturare un progetto che rappresenti realmente la contemporaneità di tutta l'arte.

È per questo che, per il secondo anno consecutivo, la progettazione è realizzata da startarch, studio di architetti composto principalmente da under 30 che vuole affermarsi come punto di riferimento per chi vuole ideare e progettare cultura. Flashback diventa ispirazione per chi si trova ad affrontare la sfida della ridefinizione e dell'innovazione, facendo dialogare le molteplici realtà che caratterizzano la manifestazione. La dinamicità e la fluidità diventano il fulcro del percorso espositivo permettendo ai visitatori di immergersi in un'altra dimensione, abbattendo il 'muro' tra arte e visitatore. Ed è grazie all'allestimento realizzato da Fast Events, che per il sesto anno consecutivo si è dimostrata un partner tecnico affidabile, che il progetto è approdato su Le rive di un altro mare in sole 36 ore.

I contenuti di flashback vengono divulgati attraverso un racconto innovativo dell'arte storicizzata: il flashback storytelling e le flashback art class, le lezioni di storia dell'arte 'tutta contemporanea' che indagano l'opera in un orizzonte atemporale, sono gli elementi attraverso i quali modificare il linguaggio e la lettura dell'opera d'arte.

Un cenno particolare meritano le flashback exhibition di Francesco Valeri e Tony Matelli che amplificano il racconto e aprono le porte a un mondo nuovo su Le rive di un altro mare. In The Wanderer, Hunter and Reverie di Matelli si respira un gioco fatto di impulsi contraddittori, gli stessi impulsi, le stesse paure e la stessa curiosità che scaturiscono dal viaggio alla scoperta dell'altro e dell'altrove. Mentre ne Le rive di un altro mare, in un contesto senza tempo, sospeso e in bilico tra passato e futuro, tra nuovo e antico, due personaggi appartenenti a tradizioni e a identità diverse stabiliscono un contatto, un incontro fatto di strani strumenti: una lampadina infatti fuoriesce dall'orecchio dell"occidentale', mentre la mazza-scettro dell"indigeno' gli solletica la guancia. In che mondo siamo? E cosi, come i naufraghi sopravvissuti su un'isola di sogni, siamo anche noi invitati a dedicarci alle nostre paure, ansie, sentimenti di abbandono, ma anche alla curiosità e al senso del mistero.

Infine i flashback sound, in particolare ADD di Francesca Sandroni - che negli spazi del progetto Opera Viva Barriera di Milano (ideato da Alessandro Bulgini e curato da Christian Caliandro) agisce stratificandosi come atto ludico estemporaneo di contatto e di interazione con l'altro da sé - e l'ari lounge room di Andrea Vailati Canta - il cui format è quello dei live dai locali caldaie che negli anni ha saputo assumere sempre più spessore e autenticità - in cui la partecipazione attiva cambia la narrazione e il pubblico diventa parte integrante della performance.

Questa edizione conferma dunque tutte le intenzioni con le quali la manifestazione è stata fondata ed è cresciuta; il lavoro costante delle direttrici Stefania Poddighe e Ginevra Pucci che portano avanti un discorso di contemporaneità dell'arte parlando di opere che spaziano tra vari secoli, ha convinto e coinvolto sempre più galleristi offrendo una visione diversa sulla storia dell'arte ma anche sulla storia di oggi; un approccio più versatile e meno rigido che ha permesso a un pubblico sempre più vasto di godere di opere d'arte non più percepite come lontane da sé — per motivi temporali o culturali — ma finalmente 'vissute' come esperienza concreta nel qui e ora. Questo sincretismo è ciò che ha permesso a flashback di crescere esponenzialmente negli anni ed è ciò che contraddistingue il progetto, nato all'insegna di una sfida culturale che si rinnova annualmente e che annualmente si ispira alla vita. E dato che quest'anno il tema è la diversità, è dunque interessante approdare insieme su Le rive di un altro mare connettendo in profondità zone temporali diverse: l'antico, il moderno e il contemporaneo nel suo farsi.

E se per caso approderete alle rive di un altro mare, in un paese remoto abitato da selvaggi e da barbari, tenete bene a mente che il più grande pericolo e la più sicura speranza stanno nell'incontro tra i diversi cuori degli uomini, e non nel confronto tra le loro frecce e il vostro fuoco. (Consigli ai Naviganti, 1674)

 

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto