Up I pescatori di perle Slideshow

VBS_3949
VBS_3945
VBS_3947
VBS_3950
VBS_3955
VBS_3958
VBS_3959
VBS_3960
VBS_3961
VBS_3962
VBS_3963
VBS_3964
VBS_3965
VBS_3966
VBS_3967
VBS_3968
VBS_3969
VBS_3970
VBS_3971
VBS_3972
VBS_3973
VBS_3974
VBS_3975
VBS_3976
VBS_3977
VBS_3978
VBS_3979
VBS_3980
VBS_3981
VBS_3982
VBS_3983
VBS_3984
VBS_3985
VBS_3986
VBS_3988
VBS_3989
VBS_3991
VBS_3993
VBS_3994
VBS_3995
VBS_3996
VBS_3999
VBS_4001
VBS_4002
VBS_4004
VBS_4006
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2019



INAUGURAZIONE D'OPERA E DI BALLETTO TEATRO REGIO TORINO "I PESCATORI DI PERLE"

Il fascino seducente e raffinato del primo capolavoro di Bizet inaugura la Stagione
Ryan McAdams dirige Orchestra e Coro del Regio
In scena il nuovo e attesissimo allestimento di Julien Lubek e Cécile Roussat



Torino, 24 Settembre 2019

È con un titolo prezioso che giovedì 3 ottobre alle ore 20 inaugura la Stagione d’Opera e di Balletto 2019-2020 del Teatro Regio: I pescatori di perle (Les Pêcheurs de perles) di Georges Bizet, in scena per cinque recite fino al 20 ottobre, nel nuovo e attesissimo allestimento di Julien Lubek e Cécile Roussat. Alla guida dell’Orchestra e del Coro del Teatro Regio, lo statunitense Ryan McAdams; i quattro protagonisti dell’opera sono: Hasmik Torosyan (Leïla), Kévin Amiel (Nadir), Fabio Maria Capitanucci (Zurga) e Ugo Guagliardo (Nourabad); il Coro è istruito dal maestro Andrea Secchi.

Anche per questa Stagione Intesa Sanpaolo – Socio Fondatore del Teatro – conferma il proprio impegno con il Regio assicurando la partnership alla produzione inaugurale, l’appuntamento più atteso della Stagione. Il sostegno di Intesa Sanpaolo al Regio rientra in un più ampio rapporto di collaborazione che vede la Banca al fianco del Teatro nella realizzazione delle sue grandi produzioni. «Intesa Sanpaolo è fortemente impegnata a sostegno della musica classica soprattutto lirica con particolare attenzione ai giovani. Nell’ambito di una lunga e solida collaborazione, condivide con il Teatro Regio di Torino la cura e la promozione dell’eccellenza della produzione torinese. Questo sostegno conferma la presenza della Banca al fianco di una istituzione culturale di grande rilievo, punto di riferimento per Torino e in Italia», commenta Fabrizio Paschina, Direttore Comunicazione e Immagine di Intesa Sanpaolo.

I pescatori di perle, opera raffinatissima, è il primo capolavoro di un Bizet non ancora venticinquenne, ma già consapevole delle sue capacità melodiche – la composizione raccoglie alcune tra le più belle arie di tutti i tempi – e padrone di una tecnica di orchestrazione elegante e unica, che qui proietta l’ascoltatore in un’ambientazione esotica e sensuale. In un remoto angolo dell’isola di Ceylon, il pescatore di perle Nadir rinnova il suo giuramento di amicizia al capo villaggio Zurga; il loro legame sarà più forte di qualsiasi sentimento d’amore. Ma la promessa viene meno quando la sacerdotessa Leïla, giunta sull’isola per consacrarsi a Brahma, riconosce in Nadir il bellissimo giovane visto durante una processione a Kandy, e mai dimenticato: i due si dichiarano il loro amore, pronti ad affrontare la morte se necessario. Zurga, sentendosi tradito, condanna al supplizio gli amanti, ma sarà infine la sua lealtà per l’amico a prevalere, permettendo ai due giovani di fuggire.

Il fascino dell’atmosfera lontana è evocato con estrema vividezza e ricchezza di colori da una tavolozza orchestrale varia e curatissima, dai ritmi e dalle armonie particolari della composizione; ogni dettaglio, nei Pescatori, è trattato dall’autore con espressività seducente e unica. Così rara che pochi – tra cui il grande Hector Berlioz – seppero coglierne la genialità al suo debutto; accolta freddamente dalla critica alla prima rappresentazione al Théâtre Lyrique di Parigi nel 1863, l’opera scomparve dai palcoscenici, nonostante una revisione dello stesso Bizet, fino a dopo la morte del compositore; solo in tempi recenti la «perla» è stata riportata in scena riscoprendo il suo vero valore.

Opéra lyrique in tre atti su libretto di Eugène Cormon e Michel Carré, I pescatori di perle va in scena per la prima volta sul palcoscenico del Regio nell’edizione in lingua originale francese. Ryan McAdams, diplomato in pianoforte all’Indiana University e in direzione d’orchestra alla Juilliard School, ha già al suo attivo una brillante carriera e ruoli importanti: è stato assistente di Alan Gilbert e di James Levine, direttore apprendista alla Fondazione Chateauville per Lorin Maazel e direttore musicale della New York Youth Symphony. Ha vinto il Glimmerglass – Aspen Prize per la Direzione e il Premio Solti come Direttore emergente. McAdams si è già misurato con la direzione dei Pescatori nell’esecuzione in forma di concerto del 2015 alla guida dell’Orchestra Sinfonica Nazionale RAI.

Regia, scene, costumi, coreografia e luci del nuovo allestimento sono firmati da Julien Lubek e Cécile Roussat, di cui il pubblico del Regio ha avuto modo di ammirare la suggestiva messa in scena di Didone ed Enea nella Stagione 2015-2016. Il sodalizio dei due artisti francesi è nato nel 2000, alla scuola per mimi del grande Marcel Marceau; radici importanti che hanno segnato fortemente la strada per l’attività registica del duo, che dal 2004 ha già firmato importanti allestimenti, quali Il flauto magico, La clemenza di Tito, Cenerentola; filo conduttore, la sinergia tra movimento, musica, arti visive, proiezioni, illusionismi, danza e arte circense, un taglio stilistico che valorizza a pieno la raffinatezza di un titolo raro come I pescatori di perle.

Hasmik Torosyan torna al Regio dopo la bella prova nei panni di Amina (La sonnambula) della scorsa Stagione: da un ruolo belcantistico all’acrobatica parte vocale della sacerdotessa Leïla, il giovane soprano armeno continua ad ampliare il suo già ricco e vario repertorio di primedonne d’opera. Vincitrice di numerosissimi concorsi, tra cui il Primo premio e la Medaglia d’Oro al Concorso “G. Gasparyan” (2008), il Premio del Presidente per giovani cantanti armeni (2009), il Primo premio al Concorso Internazionale “Musica Sacra” di Roma (2011). È considerata una rivelazione del canto per la bellezza del suono, l’eleganza dell’emissione e la sicurezza sulla scena. Appena trentenne, Kévin Amiel, francese di Tolosa, è già un veterano del palcoscenico, avendo affrontato con padronanza i principali ruoli tenorili dell’opera italiana e francese: considerato uno degli interpreti di maggior talento di nuova generazione, nel suo palmarès figurano il Premio Rivelazione al concorso ADAMI 2011 e al concorso AROP 2013 e il premio Voci nuove al concorso Victoires de la musique 2018. Nel ruolo di Nadir, con «Je crois entendre encore», potrà affrontare una delle romanze considerate vero banco di prova per i tenori. Zurga sarà interpretato da Fabio Maria Capitanucci, vincitore a soli 23 anni del Concorso del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e nel 2002 del Premio “Renato Bruson”. Formatosi all’Accademia di Perfezionamento del Teatro alla Scala, ha calcato i principali palcoscenici mondiali, dalla Scala di Milano alla Wiener Staatsoper, dal Liceu di Barcellona alla Royal Opera House di Londra, al Metropolitan di New York; vanta incisioni per prestigiose etichette come la Deutsche Grammophon e la EMI Classics, sotto la direzione di Antonio Pappano.

Anche per Stagione 2019-2020 è stato confermato l’accordo tra il Teatro Regio e Rai Radio3 per la trasmissione in diretta delle opere in programma. La diretta radio de I pescatori di perle, curata da Susanna Franchi, andrà in onda giovedì 3 ottobre alle 20.

Il titolo sarà presentato al pubblico mercoledì 2 ottobre alle ore 17.30 al Piccolo Regio Puccini nella conferenza a ingresso libero dal titolo I pescatori di perle. Fascinazioni esotiche e suggestioni italiane nel giovane Bizet a cura di Marco Targa e con la partecipazione dei registi Julien Lubek e Cécile Roussat.

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto