Up Il Linguaggio di Genere Slideshow

LinguaggioDiGenere_01
LinguaggioDiGenere_02
LinguaggioDiGenere_03
LinguaggioDiGenere_04
LinguaggioDiGenere_05
LinguaggioDiGenere_06
LinguaggioDiGenere_07
LinguaggioDiGenere_08
LinguaggioDiGenere_09
LinguaggioDiGenere_10
LinguaggioDiGenere_11
LinguaggioDiGenere_12
LinguaggioDiGenere_13
LinguaggioDiGenere_14
LinguaggioDiGenere_15
LinguaggioDiGenere_16
LinguaggioDiGenere_17
LinguaggioDiGenere_18
LinguaggioDiGenere_19
LinguaggioDiGenere_20
LinguaggioDiGenere_21
LinguaggioDiGenere_22
LinguaggioDiGenere_23
LinguaggioDiGenere_24
LinguaggioDiGenere_25
LinguaggioDiGenere_26
LinguaggioDiGenere_27
LinguaggioDiGenere_28
LinguaggioDiGenere_29
LinguaggioDiGenere_30
LinguaggioDiGenere_31
LinguaggioDiGenere_32
LinguaggioDiGenere_33
LinguaggioDiGenere_34
LinguaggioDiGenere_35
LinguaggioDiGenere_36
LinguaggioDiGenere_37
LinguaggioDiGenere_38
LinguaggioDiGenere_39
LinguaggioDiGenere_40
LinguaggioDiGenere_41
LinguaggioDiGenere_42
LinguaggioDiGenere_43
LinguaggioDiGenere_44
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2018



IL LINGUAGGIO DI GENERE

Moncalieri, 19 gennaio 2018

La rappresentazione della donna nel linguaggio è ancora, troppo spesso, specchio di un sussistente divario di genere nella società, specie nel contesto politico ed economico o in relazione alle professioni, che oppone tuttora forti resistenze culturali a superare una declinazione maschile falsamente intesa come neutra.

Porre attenzione al genere nel linguaggio rappresenta quindi una sfida per superare gli stereotipi, i pregiudizi e gli ostacoli all'affermazione delle pari opportunità tra donne e uomini che ancora sussistono e che possono diventare veicolo di aperta discriminazione, quando non di denigrazione.

Insieme, il linguaggio è lo strumento che consente di dare alle pari opportunità tra donne e uomini la dignità di tema da inserire nell'agenda politica: è necessario, allora, che la trattazione delle tematiche della parità e dell'uguaglianza non si arrocchi su un linguaggio troppo tecnico e comprensibile solo a poche donne esperte e, nello tempo, non cerchi scorciatoie di comprensibilità che finirebbero per negare il valore che queste tematiche hanno.

All'ampio e complesso tema del linguaggio di genere la Città di Moncalieri intende dedicare un pomeriggio di dialogo tra soggetti esperti, proponendo una riflessione che focalizzi i temi più rilevanti e attuali di un dibattito che, pur non sempre facile, esiste e sta acquisendo una forza sempre più nettamente riconosciuta anche a livello istituzionale.

Programma

SALUTI ISTITUZIONALI

Laura Pompeo Assessora Cultura, Turismo, Biblioteca, Teatri e musei, Centro storico, Residenze reali, Relazioni internazionali - Pari Opportunità della Città di Moncalieri

INTERVENTI

La declinazione di genere nel linguaggio
Claudio Marazzini Presidente dell'Accademia della Crusca

Cecilia Robustelli Professoressa Associata di Linguistica italiana dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Il linguaggio delle pari opportunità tra tecnicismi e necessità di comprensione

Anna Loretoni Professoressa Ordinaria di Filosofia Politica presso la Scuola di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant'Anna di Pisa

Cecilia Boggio Ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze economico-sociali e matematico-statistiche dell'Università degli Studi di Torino

MODERA

Alessandra Giani Fondatrice e CEO di Eventum; Vice Console Onorario del Messico con giurisdizione Piemonte e Valle d'Aosta

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    http://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto