Up Moncenisio Slideshow

Moncenisio_01
Moncenisio_02
Moncenisio_03
Moncenisio_04
Moncenisio_05
Moncenisio_06
Moncenisio_07
Moncenisio_08
Moncenisio_09
Moncenisio_10
Moncenisio_11
Moncenisio_12
Moncenisio_13
Moncenisio_14
Moncenisio_15
Moncenisio_16
Moncenisio_17
Moncenisio_18
Moncenisio_19
Moncenisio_20
Moncenisio_21
Moncenisio_22
Moncenisio_23
Moncenisio_24
Moncenisio_25
Moncenisio_26
Moncenisio_27
Moncenisio_28
Moncenisio_29
Moncenisio_30
Moncenisio_31
Moncenisio_32
Moncenisio_33
Moncenisio_34
Moncenisio_35
Moncenisio_36
Moncenisio_37
Moncenisio_38
Moncenisio_39
Moncenisio_40
Moncenisio_41
Moncenisio_42
Moncenisio_43
Moncenisio_44
Moncenisio_45
Moncenisio_46
Moncenisio_47
Moncenisio_48
Moncenisio_49
Moncenisio_50
Moncenisio_51
Moncenisio_52
Moncenisio_53
Moncenisio_54
Moncenisio_73
Moncenisio_55
Moncenisio_56
Moncenisio_57
Moncenisio_58
Moncenisio_59
Moncenisio_60
Moncenisio_61
Moncenisio_62
Moncenisio_63
Moncenisio_64
Moncenisio_65
Moncenisio_66
Moncenisio_67
Moncenisio_68
Moncenisio_69
Moncenisio_70
Moncenisio_71
Moncenisio_72
Moncenisio_74
Moncenisio_75
Moncenisio_76
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2019



MONCENISIO

 

Torino, 4 Giugno 2019



Moncenisio è il comune meno popoloso d'Italia, 10 abitanti. Fino a prima della seconda guerra mondiale il comune aveva il nome di Ferrera Cenisio, il nome venne cambiato nel 1940 quando la sede municipale venne spostata al colle dal podestà fascista dell'epoca.

Il paese è situato in val Cenischia (Val di Susa) a circa 70 chilometri a nord-ovest da Torino, sul percorso dell'antica strada per il Colle del Moncenisio che mette in comunicazione la Moriana (o valle dell'Arc) con la valle di Susa.

Fa parte della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone. Il paese si sviluppa prevalentemente lungo il corso del torrente Cenischia e nei pressi si trovano due piccoli laghi alpini naturali.

È sede dell'Ecomuseo delle Terre al Confine, dedicato ai mestieri della montagna (la lavorazione del latte, la fienagione, l'attività di guide): nell'edificio dell'Ecomuseo ha sede la Biblioteca Comunale che aderisce al Sistema Bibliotecario del Pinerolese.

Poco prima del paese si apre un tunnel superstite della Ferrovia Fell, in funzione dal 1867 al 1870, in ottimo stato di conservazione e percorribile senza attrezzature particolari. Più a monte, interessanti resti di installazioni militari e di una cava di pietra, la medesima che è stata impiegata per la realizzazione della fontana antistante l'edificio sede del comune e di alcuni particolari costruttivi.

La zona, trascurata dal turismo di massa, presenta interessanti e rare fioriture estive ed è uno dei punti di partenza per la salita al Lac Roterel (o lac de l'Arpon).

Sulle rive del torrente vi è un frassino plurisecolare che ha più di 300 anni.

Caratteristica del borgo è la presenza di numerose meridiane con scritte in lingua francoprovenzale, nonché le numerose case che presentano caratteristiche costruttive tipiche dell'Alta Moriana.

Il capoluogo è punto di partenza per interessanti escursioni sui numerosi sentieri che attraversano le montagne, sia d'estate, sia d'inverno con le racchette da neve. In tutte le stagioni si può ripercorrere con una bella escursione l'antica Via Francigena, localmente identificata dalla segnaletica come Strada Reale, sia a monte del paese in direzione del valico, sia a valle verso Novalesa.

 

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto