Up Mostra Filippo Juvarra Slideshow

VBS_7553corr
VBS_7560corr
VBS_7568 corr prosp
VBS_7558
VBS_7576
VBS_7572
VBS_7575
VBS_7638
VBS_7896
VBS_7580
VBS_7598
VBS_7614
VBS_7616
VBS_7619
VBS_7622
VBS_7623
VBS_7626
VBS_7628
VBS_7632
VBS_7634
VBS_7637
VBS_7698
VBS_7699
VBS_7702
VBS_7706
VBS_7708
VBS_7713
VBS_7714
VBS_7715
VBS_7717
VBS_7719
VBS_7721
VBS_7722
VBS_7725
VBS_7726
VBS_7730
VBS_7826
VBS_7732
VBS_7733
VBS_7734
VBS_7736
VBS_7737
VBS_7727
VBS_7738
VBS_7740
VBS_7741
VBS_7743
VBS_7748
VBS_7750
VBS_7752
VBS_7754
VBS_7755
VBS_7757
VBS_7759
VBS_7760
VBS_7761
VBS_7763
VBS_7875
VBS_7765
VBS_7878
VBS_7766
VBS_7769
VBS_7771
VBS_7774
VBS_7775
VBS_7776
VBS_7781
VBS_7784
VBS_7846
VBS_7787
VBS_7788
VBS_7792
VBS_7793
VBS_7796
VBS_7797
VBS_7798
VBS_7800
VBS_7801
VBS_7805
VBS_7751
VBS_7806
VBS_7807
VBS_7808
VBS_7827
VBS_7830
VBS_7843
VBS_7891
VBS_7881
VBS_7898_1
VBS_7899_1
VBS_7902_1
VBS_7903_1
VBS_7904_1
VBS_7921_1
VBS_7926_1
VBS_7930_1
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2021



FILIPPO JUVARRA REGISTA DI CORTI E CAPITALI DALLA SICILIA AL PIEMONTE ALL'EUROPA

Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino - Sala Mostre Juvarra - Piazza Carlo Alberto 3 – 10123 Torino
A cura di:
Maria Vittoria Cattaneo, Chiara Devoti, Elena Gianasso,
Gustavo Mola di Nomaglio, Franca Porticelli, Costanza Roggero, Fabio Uliana
Presentazione giovedì 4 marzo 2021 ore 11

 

Torino, 4 Marzo 2021

Nell’agosto del 1720 Vittorio Amedeo II prende possesso del Regno di Sardegna, dopo aver ceduto all'Austria la corona di Sicilia. Restarono tuttavia legati ai Savoia e al Piemonte numerosi Siciliani insigni in vari campi, il più celebre dei quali, Filippo Juvarra (1678-1736), fu uno dei principali registi della trasformazione architettonica della Torino settecentesca, ammirata in Italia e in Europa. Nello stesso anno, con Regio Editto del 25 ottobre, è riformata l'Università di Torino, in seno alla quale è istituita la Biblioteca d’Ateneo, che entrerà in funzione nel 1723 unificando le collezioni librarie ducali, civiche e universitarie «per commodo sì delli studenti che del pubblico».

Per questo la Biblioteca Nazionale Universitaria ha voluto celebrare la ricorrenza del suo trecentesimo anniversario esponendo per la prima volta nella sua interezza il Corpus juvarrianum che conserva tra le sue raccolte il più consistente fondo esistente di disegni del «Primo Architetto Civile di S.M.», come venne nominato da Vittorio Amedeo II.

Juvarra ebbe alla corte dei Savoia ampio spazio per esprimere le proprie visioni architettoniche, concretizzare lungimiranti progetti di ampio respiro e accarezzare nuove idee e nuovi sviluppi artistici. Il volto di Torino è da lui profondamente plasmato, conferendo alla città, con i suoi interventi, quel tratto unico e capace di affascinare che ancora oggi la distingue.

La cospicua raccolta di disegni del celebre architetto e dei suoi collaboratori, che spesso danno forma alle idee e ai progetti concepiti dal maestro, fu acquisita dalla Biblioteca negli anni 1762-1763, andandosi ad arricchire nel 1857 dell'album noto con l’attuale segnatura Riserva 59.4, l’unico composto dallo stesso Juvarra e che reca un originale titolo proprio: Penzieri diversi p. studio d’architettura fatti da me D. Filippo Juvarra a 9 luglio 1707 in Roma.

Gli album esposti offrono l'occasione per comunicare il profilo di un artista “a tutto tondo”, dentro e oltre il barocco: non solo geniale architetto, ma anche - come testimoniato proprio dai suoi disegni – vedutista, scenografo, interior designer e molto altro ancora.

Tre sono i principali filoni nei quali si dipana il percorso espositivo, arricchito da un apparato multimediale che permette lo sfoglio di tutto il corpus su monitor a parete: il primo dedicato agli studi di Juvarra e dei suoi collaboratori più specificamente legati alle architetture, religiose e civili; il secondo nucleo espositivo ripercorre l'attività di Juvarra scenografo, in particolare negli anni romani, tra il 1709 e il 1714, mentre la terza sezione si incentra sul legame storico-politico tra Sicilia, Piemonte ed Europa, ambito geografico e culturale in cui si colloca l'attività artistica dell'architetto messinese.

La mostra è corredata da una corposa pubblicazione che ospita saggi per l'inquadramento storico, artistico e culturale della produzione juvarriana e anche, per la prima volta, l’inventario aggiornato dell'intero Corpus juvarrianum. Già disponibile al Centro Studi Piemontesi, sarà anche acquistabile nel bookshop insieme ai principali cataloghi delle passate mostre: il ricavato concorrerà, in occasione dell'anniversario dantesco, al restauro del manoscritto cartaceo, Dante Alighieri, Inferno, sec. XVI (Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, segnatura ms. L.III.17) così da unire insieme due grandi protagonisti dell'arte e della cultura italiana nel mondo.

La presentazione della mostra il 4 marzo sarà anche l'occasione per tre eventi simbolici. Il primo è l’emissione di un Annullo Postale Speciale dedicato a Filippo Juvarra nel mese più accreditato per la sua nascita. L’annullo e varie cartoline commemorative saranno disponibili nel bookshop della mostra per tutto il periodo dell'esposizione.

Il secondo evento sarà l'intitolazione a Filippo Juvarra della sala mostre che, realizzata e migliorata nel tempo, si affianca all’auditorium Vivaldi, dando così legittimo risalto alle due personalità di cui la Biblioteca Nazionale custodisce importanti documenti autografi.

Il terzo è la possibilità di visitare, a fianco della mostra - quando il Piemonte diventerà nuovamente zona gialla - l’antico laboratorio di restauro del libro della Biblioteca Nazionale, il primo in Italia in una biblioteca pubblica statale, allestito a seguito dell’incendio del 1904.

 


 

Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
Associazione Amici della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino (ABNUT)
Centro Studi Piemontesi - Ca dë Studi Piemontèis
Dip. Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio - Politecnico di Torino e Università degli Studi di Torino
Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio - Politecnico di Torino
con
il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo e della Fondazione CRT-Cassa Risparmio Torino
il patrocinio del Comune di Torino, Regione e Consiglio Regionale Piemonte
e con la collaborazione di Fondazione Ordine Mauriziano, Consorzio delle Residenze Reali Sabaude,
Palazzo Madama - Museo Civico d’Arte Antica e Accademia Albertina di Belle Arti di Torino
Sponsor assicurativo Reale Mutua Assicurazioni

 

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto