Up Mostra Giulio Boetto La scelta di Giulio Slideshow

Mostra Giulio Boetto_01
Mostra Giulio Boetto_02
Mostra Giulio Boetto_03
Mostra Giulio Boetto_04
Mostra Giulio Boetto_05
Mostra Giulio Boetto_06
Mostra Giulio Boetto_08
Mostra Giulio Boetto_09
Mostra Giulio Boetto_10
Mostra Giulio Boetto_11
Mostra Giulio Boetto_12
Mostra Giulio Boetto_13
Mostra Giulio Boetto_14
Mostra Giulio Boetto_15
Mostra Giulio Boetto_16
Mostra Giulio Boetto_17
Mostra Giulio Boetto_18
Mostra Giulio Boetto_19
Mostra Giulio Boetto_20
Mostra Giulio Boetto_21
Mostra Giulio Boetto_22
Mostra Giulio Boetto_23
Mostra Giulio Boetto_24
Mostra Giulio Boetto_25
Mostra Giulio Boetto_26
Mostra Giulio Boetto_27
Mostra Giulio Boetto_28
Mostra Giulio Boetto_29
Mostra Giulio Boetto_30
Mostra Giulio Boetto_31
Mostra Giulio Boetto_32
Mostra Giulio Boetto_33
Mostra Giulio Boetto_34
Mostra Giulio Boetto_35
Mostra Giulio Boetto_36
Mostra Giulio Boetto_37
Mostra Giulio Boetto_38
Mostra Giulio Boetto_39
Mostra Giulio Boetto_40
Mostra Giulio Boetto_41
Mostra Giulio Boetto_42
Mostra Giulio Boetto_43
Mostra Giulio Boetto_44
Mostra Giulio Boetto_45
Mostra Giulio Boetto_46
Mostra Giulio Boetto_47
Mostra Giulio Boetto_48
Mostra Giulio Boetto_49
Mostra Giulio Boetto_50
Mostra Giulio Boetto_51
Mostra Giulio Boetto_52
Mostra Giulio Boetto_53
Mostra Giulio Boetto_54
Mostra Giulio Boetto_55
Mostra Giulio Boetto_56
Mostra Giulio Boetto_57
Mostra Giulio Boetto_58
Mostra Giulio Boetto_59
Mostra Giulio Boetto_60
Mostra Giulio Boetto_61
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2019


MOSTRA LA SCELTA DI GIULIO

GIULIO BOETTO: VIAGGIO DI UN PAESAGGISTA NEL SECOLO CHE DISTRUSSE IL PAESAGGIO

Una installazione di Giosuè Boetto Cohen su musiche originali di Marco Robino – Architorti
Museo di Arti Decorative Accorsi - Ometto Dal 4 luglio al 15 settembre 2019



Torino, 3 Luglio 2019

Quale fu la scelta di Giulio? Perché un titolo da film per un evento dedicato a un pittore?
Perché la scelta fu almeno doppia, e questa mostra non è una raccolta di opere.

Giulio Boetto, alla fine della Grande Guerra, aveva ventiquattro anni, ed era già celebre. A Torino i giornali ospitavano le sue caricature.
Le maggiori rassegne avevano premiato i suoi quadri. Il Re d’Italia ne aveva acquistati alcuni. Gli intellettuali, pur innamorati del nuovo, lo volevano nei salotti. E i produttori del cinema come scenografo e cartellonista.

Ma lui aveva già dipinto “La casa del prete”.

Una piccola casa di paese, nascosta nella pianura, come tante altre. Scoperta per caso, ci era tornato, per studiarla nei particolari, in ogni situazione. Aveva, insomma, già fatto la sua scelta.

E che valore ha, cento anni dopo, nel mondo che viviamo, la decisione di un artista giovane, intelligente, dotato, che lascia la città, il vento poderoso delle avanguardie e sposta tutta la sua vita alle pendici di una montagna? Che non sente l’urgenza di essere inedito “a qualunque costo”, e si ferma a guardare, ancora per una stagione, en plein air. Un narratore che ai grandi avvenimenti preferisce un mondo “piccolo”, che va dalla punta del Monviso a un gregge in riva al Po, dal tendone di un circo, al mercato degli animali.

Un mondo davvero piccolo. O un mondo...immenso?

Un secolo è passato. Gli storici lo hanno chiamato “breve” per la sua struttura degli eventi. Per altri è stato lunghissimo. Ha portato le più grandi scoperte, la mobilità di massa, la rivoluzione informatica. E insieme la guerra totale, il genocidio, la distruzione delle risorse e del paesaggio.
Forse così sarà ricordato, tra qualche decina di anni. Il secolo che distrusse il paesaggio. Proprio ciò che era stato – nelle sue manifestazioni naturali e umane - la scelta di Giulio.

Se la sua vicenda fosse confluita in uno dei grandi movimenti del Novecento, questa mostra non si sarebbe potuta fare. Avremmo una narrazione completamente diversa, una lettura più soggettiva, mediata, forse geniale. O magari qualcosa che non riusciamo nemmeno a comprendere.

Le installazioni video che compongono la mostra ne danno qualche esempio, semi-serio.
E invece Giulio ha lasciato immagini con vari livelli di lettura, ma che parlano un po’ a tutti, indipendentemente dalle conoscenze e dai gusti.
Da qualche anno il “piccolo mondo” che l’artista scelse di tramandare sembra meno piccolo. Potrebbe essere, anzi, quasi alle origini di ciò che la cultura dell'oggi dichiara di voler riscoprire. E che, almeno apparentemente, sta entrando in alcuni stili di vita emergenti: la vita naturale "ritrovata", in mille e una declinazioni.

L’arte, lo spirito, la scelta di Giulio Boetto, “torinese di Saluzzo”, poco hanno a che fare con i trend e i fenomeni di costume. Ma sarà interessante guardare al paesaggio piemontese com’era, attraverso le opere di un grande pittore, nel momento in cui una certa consapevolezza dei disastri arrecati - e il desiderio di rivalutare l'esistente - sono un poco più presenti nella vita contemporanea.

La mostra, che ha debuttato alla Castiglia di Saluzzo in occasione dei cinquant’anni dalla morte del pittore, arriva a Torino in un adattamento speciale, pensato per gli spazi e l’atmosfera del Museo Accorsi-Ometto. Per l’edizione 2019 sono state utilizzate, oltre ai repertori filmati, novanta fotografie, in gran parte inedite e le riproduzioni di ottantatré opere.

La colonna sonora originale, parte fondamentale delle tre installazioni, è stata composta ed eseguita da Marco Robino con l’Ensemble Architorti.

Il progetto è stato promosso dal Comune di Saluzzo, dalla Fondazione Artea e dalla Regione Piemonte, con la collaborazione della Associazione UrCA.

InTesta (Gruppo Armando Testa) e Il Museo Nazionale del Cinema hanno partecipato alla produzione dei contenuti multimediali. Per l’edizione torinese si è aggiunto il patrocinio del Comune di Torino.

GIULIO BOETTO in sintesi

Giulio Boetto nacque nel 1894 Torino, ma a trent’anni trasferì la propria ricerca ai piedi del Monviso, lasciandosi alle spalle la fama che Torino gli aveva già tributato e il vorticoso dibattito sulle Avanguardie. Benemeriti della Cultura e dell’Arte Tra la fine della Grande Guerra e gli anni ’50, è uno dei più proficui e virtuosi interpreti della vita e del paesaggio piemontese (con cruciali incursioni in quello svizzero, romano, veneziano e ligure).
Forte di una tecnica straordinaria - che lo distacca, nei suoi lavori migliori, da altri autori italiani dello stesso periodo - realizza anche numerosi ritratti di notevole fattura.

Oltre che valente ritrattista, fu paesaggista ispirato da alpeggi e montagne, pascoli e mercati, scene di paese e di piazza.
Colpito nel 1951 anni da un grave ictus, dovette interrompere la pittura per un biennio.
Morì a Torino nel 1967. È sepolto nel cimitero di Revello.

 

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto