Up Mostra La Vittoria meritata Slideshow

VBS_7909
VBS_7853
VBS_7855
VBS_7856
VBS_7858
VBS_7859
VBS_7861
VBS_7863
VBS_7864
VBS_7866
VBS_7867
VBS_7868
VBS_7869
VBS_7870
VBS_7873
VBS_7876
VBS_7877
VBS_7880
VBS_7881
VBS_7882
VBS_7884
VBS_7887
VBS_7889
VBS_7890
VBS_7892
VBS_7894
VBS_7895
VBS_7897
VBS_7901
VBS_7902
VBS_7904
VBS_7905
VBS_7906
VBS_7912
VBS_7916
VBS_7917
VBS_7919
VBS_7920
VBS_7923
VBS_7924
VBS_7925
VBS_7926
VBS_7927
VBS_7929
VBS_7930
VBS_7931
VBS_7932
VBS_7933
VBS_7934
VBS_7935
VBS_7936
VBS_7937
VBS_7938
VBS_7939
VBS_7940
VBS_7941
VBS_7942
VBS_7943
VBS_7944
VBS_7945
VBS_7946
VBS_7947
VBS_7949
VBS_7950
VBS_7951
VBS_7952
VBS_7953
VBS_7954
VBS_7955
VBS_7956
VBS_7957
VBS_7958
VBS_7959
VBS_7960
VBS_7961
VBS_7962
VBS_7963
VBS_7965
VBS_7966
VBS_7967
VBS_7968
VBS_7969
VBS_7970
VBS_7971
VBS_7972
VBS_7973
VBS_7975
VBS_7976
VBS_7977
VBS_7978
VBS_7979
VBS_7980
VBS_7981
VBS_7982
VBS_7984
VBS_7985
VBS_7987
VBS_7988
VBS_7989
VBS_7990
VBS_7991
VBS_7992
VBS_7993
VBS_7994
VBS_7996
VBS_7997
VBS_7998
VBS_7999
VBS_8000
VBS_8001
VBS_8002
VBS_8003
VBS_8009
VBS_8012
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2019



TORINO E L’ASSEDIO 1706

Inaugurazione mostra “LA VITTORIA MERITATA” il 6 settembre e Commemorazione storica il 7 settembre



Torino, 6 Settembre 2019



Esattamente 313 anni fa, nella notte tra il 6 e il 7 settembre 1706, un'attesa di speranza aleggiava tra i soldati e la popolazione, sugli spalti sbrecciati della Cittadella e nelle case di Torino danneggiate da 117 giorni di duro assedio e di incessanti bombardamenti francesi, che continuavano ostinati.

Le prime luci dell'alba sorpresero l'Armata alleata del principe Eugenio, arrivato a Torino da Verona dopo 2 mesi di marce forzate, e del duca Vittorio Amedeo II avanzare in ordine di battaglia tra Dora e Stura, sul fianco più debole degli assedianti.

Al suono sordo e cadenzato delle fanterie in silenziosa marcia contro le difese campali francesi sui prati ora occupati da Borgo Vittoria, si sovrappose più tardi nel cielo limpido del mattino il rombo assordante dei cannoni delle opposte artiglierie. Alle 10 del mattino, uno spettacolo straordinario magnetizzò gli sguardi dell'intera Città salita sulle mura e sui tetti delle case quando iniziò lo scontro frontale: al suono improvviso di tamburi e trombe e a quello tragico dei combattimenti corpo a corpo che durarono fino al primo pomeriggio, si unirono le campane a distesa delle chiese cittadine che alla fine della battaglia accolsero festanti i liberatori.

Torino ricorda ogni anno e si stringe con affetto ai soldati in divisa d'epoca del Gruppo Storico Pietro Micca della Città di Torino che marciano tra le sue vie e piazze nel segno di una storia e di un patrimonio di cui essere orgogliosi e che merita valorizzare.

Per commemorare gli eventi storici, tre iniziative concluderanno il percorso di avvicinamento iniziato dal museo Pietro Micca nel maggio scorso per seguire le fasi dell’assedio:

− alle ore 17,30 del 6 settembre, nel museo Pietro Micca di via Guicciardini 7/A si inaugura l’ultima mostra dell’assedio, dal titolo “La vittoria meritata” e Carla Amoretti accompagnerà tutti gli interessati nella ricostruzione degli eventi e dei luoghi della battaglia ancora visibili nella città di oggi;

− dalle ore 20 alle 23 successive, all’Area Archeologica di corso Galileo Ferraris 14, visite guidate gratuite secondo l’ordine di arrivo e animazione con il Gruppo Storico Pietro Micca della Città di Torino;

− sabato 7 settembre, 313° anniversario della battaglia di liberazione di Torino, un ricco programma di commemorazione a cura del Gruppo Storico Pietro Micca della città di Torino inizierà alle 15,15 al museo civico Pietro Micca e dell’assedio di Torino per proseguire con la deposizione di corona al Monumento di Pietro Micca al Maschio della Cittadella, con spari di cannone e fucileria (ore 16), il corteo storico in via Garibaldi e la parata in piazza Castello (16,45) per concludersi con la cerimonia istituzionale alle 17,30 in piazza Palazzo di Città, con i saluti della Sindaca Chiara Appendino.

Per informazioni: www.museopietromicca.it e info@museopietromicca.it - Tel. 011 546317

 


 

BREVE APPROFONDIMENTO SULLA MOSTRA

La mostra “La vittoria meritata” inaugura il 6 settembre alle ore 17,30 ed è visitabile gratuitamente nel museo Pietro Micca fino al 4 novembre pv e integra il normale percorso di visita del museo.

Come particolare omaggio ai due principali protagonisti della liberazione di Torino, vari richiami al principe Eugenio di Savoia e al duca, poi re, Vittorio Amedeo II:

− “Lettera di pugno del principe Eugenio di Savoia, datata in Vienna 11 febbraio 1727 ed inviata al proprio cugino, Re Vittorio Amedeo II” Inserita per ricordare i due principali protagonisti della vittoria e per evidenziare i determinanti risultati della vittoria: l’elevazione del ducato a regno e l’ingrandimento territoriale: prestito di Giuseppe Pichetto del Centro Studi Piemontesi;

− Dipinto di Vittorio Amedeo II giovane- Pittore di corte ignoto Fine XVII sec. Cornice coeva a cassettoni nera con foglia oro, prestatore privato;

− Principe Eugenio Savoia Soisson. Modello equestre in bronzo (altezza 50 cm), realizzato da Anton Dominik von Fernkorn, scultore di corte, XIX sec. Modello originale della statua equestre in bronzo del principe Eugenio (1860-1865) in Piazza degli Eroi a Vienna, prestatore privato;

− «Histoire militaire du Prince Eugene de Savoye, du Prince et Duc de Marlborough, et du Prince de Nassau-Frise : où l'on trouve un détail des principales Actions de la dernière Guerre, & des Batailles & Sièges commandez par ces trois Généraux / par Mr. Dumont Baron de Carelscroon» par Mr. Rousset - A La Haye; chez Isaac van der Kloot, MDCCXXIX. [1729], volumi I e II, prestatore privato;

− stampe del Theatrum Sabaudiae: incisione in originale eseguita su rame – impresse a Amsterdam 1682 da Jean Luyken presso lo stampatore Joannis Blaeu e Stampe del XVIII sec. incorniciate: Albero genealogico di Casa Savoia fino al Re Vittorio Amedeo II; Il Principe Eugenio di Savoia-Soissons a cavallo; Ritratto del duca Vittorio Amedeo II – stemma araldico del ducato di Savoia: prestatore privato;

− la carta delle tappe di marcia del Principe Eugenio da Verona a Torino tra luglio e settembre 1706 del museo Pietro Micca;

− il pregevole disegno d’epoca a penna ed acquerello “Plan de la Ville de Turin & ses environns avec les attaques francoises faittes en 1706 le 23 Maj” dell’Archivio Storico della Città di Torino;

− “Ragguaglio istorico dell’assedio, difesa e liberazione della Città di Torino” di Francesco Antonio Tarizzo, 1707 – Legatura in mezza pelle della biblioteca di Carlo Muletti- Prestatore privato.

Un particolare approfondimento sarà dedicato alla ricostruzione del campo di battaglia nel 1706 in riferimento alla città di oggi attraverso le rielaborazioni grafiche di Carla Amoretti su Carta dell’Emanuelle (1709), sul dipinto della battaglia di Ignace Parrocel (1707) e con la ricostruzione delle linee francesi tratte dalla carta dell'Emanuelle (1709) su Carta Paravia del 1923-24.

Su questo stesso tema è focalizzata la conversazione che sarà tenuta da Carla Amoretti il venerdì 6 settembre alle ore 17,30 al museo Pietro Micca dal titolo evocativo “Torino 7 settembre 1706. La battaglia e i luoghi”

 

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto