Up Presentazione Libro Santisella Slideshow

Santisella_001
Santisella_005
Santisella_002
Santisella_003
Santisella_004
Santisella_006
Santisella_007
Santisella_008
Santisella_009
Santisella_010
Santisella_011
Santisella_012
Santisella_013
Santisella_014
Santisella_015
Santisella_016
Santisella_017
Santisella_018
Santisella_019
Santisella_020
Santisella_021
Santisella_022
Santisella_023
Santisella_024
Santisella_025
Santisella_026
Santisella_027
Santisella_028
Santisella_029
Santisella_030
Santisella_031
Santisella_032
Santisella_033
Santisella_034
Santisella_035
Santisella_036
Santisella_037
Santisella_038
Santisella_039
Santisella_040
Santisella_041
Santisella_042
Santisella_043
Santisella_044
Santisella_045
Santisella_046
Santisella_047
Santisella_048
Santisella_049
Santisella_050
Santisella_051
Santisella_052
Santisella_053
Santisella_054
Santisella_055
Santisella_056
Santisella_057
Santisella_058
Santisella_059
Santisella_060
Santisella_061
Santisella_062
Santisella_063
Santisella_064
Santisella_065
Santisella_066
Santisella_067
Santisella_068
Santisella_069
Santisella_070
Santisella_071
Santisella_072
Santisella_073
Santisella_074
Santisella_075
Santisella_076
Santisella_077
Santisella_078
Santisella_079
Santisella_080
Santisella_081
Santisella_082
Santisella_083
Santisella_084
Santisella_085
Santisella_086
Santisella_087
Santisella_088
Santisella_089
Santisella_090
Santisella_091
Santisella_092
Santisella_093
Santisella_094
Santisella_095
Santisella_096
Santisella_097
Santisella_098
Santisella_099
Santisella_100
Santisella_101
Santisella_102
Santisella_103
Santisella_104
Santisella_105
Santisella_106
Santisella_107
Santisella_108
Santisella_109
Santisella_110
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2018



PRESENTAZIONE LIBRO "SANTISELLA" di BARBARA SANTISE

Torino, 2 Marzo 2018

Non è famosa per la sua pazienza, Santisella.

Quando si è fatta sentire, la prima volta, stavo su di un dondolo a raccogliere cocci di fallimenti in serie, prodotti con metodo tayloristico santisiano: vita privata, lavorativa e sociale.



 

Anche con gli acari di casa non andavano un granchè bene.

E’ successo così, d’improvviso. Un mattino mi sono svegliata e di Santisella nessuna traccia. L’ho ritrovata in uno specchio, che mi guardava, un po’ sbiadita. Muta. Santisella non aveva niente da dire.

Che poi è sua abitudine palesarsi senza bussare alla porta: i suoi pensieri e le cose da dire arrivavano così, come il prurito di notte, e non potevi fare a meno di sentire e di scrivere, urgentemente, che altrimenti non ti avrebbe lasciato vivere. Non è famosa per la sua pazienza, Santisella. Quando si è fatta sentire, la prima volta, stavo su di un dondolo e raccoglievo cocci di fallimenti in serie, prodotti con metodo tayloristico santisiano: vita privata, lavorativa, sociale. Anche con gli acari di casa le cose non andavano bene.

Ed è arrivata lei. Ha cominciato a farmi ridere della mia situazione. Mi ha ricordato cosa diceva de Cervantes sull’osso del collo scavezzato, sul ribaltare le situazioni. Mi ha insegnato la resilienza del ridicolo e del sorriso. 

E’ stata cassa di risonanza della rabbia e della fatica, ma soprattutto è stata quel palloncino che ha alleggerito una finestra della mia esistenza pesante come piombo. Senza Santisella, probabilmente, certi cammini non li avrei intrapresi e certe consapevolezze non le avrei mai raggiunte. E’ spuntata, mentre dondolavo in lacrime a pochi giorni dalla chiusura del locale, è arrivata e mi ha mostrato quanto fossi pateticamente divertente scarmigliata, frignona, drogata di Nutella e di Real Time.

Ho scritto con lei, per lei e per me, per le mie figlie e per i miei sogni. Abbiamo raccontato la nostra vita, e poi la realtà, l’assurdità del mondo attorno e la bellezza dell’umanità. Fino a che lei non ha deciso che era ora di levare le tende. Non serviva più.

Così, d’improvviso. Santisella è tornata un’eco di risata e, salutandola allo specchio, mi sono accorta che è riuscita nella sua missione: farmi fare pace con tutte le mie anime, con tutte quelle contraddizioni che mi caratterizzano. Io sono luci e ombre, cioccolato e vaniglia (che mi fa schifo).

E’ venuto il momento di fare a meno di diminuitivi e di essere semplicemente Barbara.

Saluto Santisella senza magone, perché mi ha permesso di conoscere tante persone e da loro di farmi conoscere. Saluto il blog e ringrazio ancora una volta la scrittura, che è stata il mio retorico ma efficace salvagente. La ringrazio ma non la saluto: adesso che ha smesso di essere pura terapia, con lei forse potrà cominciare un rapporto più equilibrato. 

Da San Sebastian, patria di cibo e culi di surfisti, ti saluto Santisella. Muchas gracias, chica linda.

 

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    http://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto