Up Raduno Mongolfiere Mondovì 2019 Slideshow

Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_001
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_002
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_003
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_004
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_005
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_006
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_007
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_008
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_009
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_010
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_011
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_012
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_013
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_014
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_015
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_016
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_017
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_018
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_019
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_020
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_021
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_022
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_023
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_024
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_025
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_026
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_027
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_028
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_029
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_030
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_031
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_032
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_033
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_034
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_035
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_036
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_037
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_038
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_039
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_040
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_041
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_042
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_043
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_044
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_045
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_046
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_047
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_048
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_049
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_050
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_051
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_052
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_053
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_054
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_055
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_056
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_057
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_058
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_059
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_060
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_061
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_062
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_063
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_064
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_065
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_066
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_067
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_068
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_069
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_070
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_071
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_072
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_073
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_074
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_075
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_076
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_077
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_078
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_079
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_080
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_081
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_082
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_083
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_084
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_085
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_086
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_087
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_088
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_089
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_090
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_091
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_092
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_093
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_094
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_095
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_096
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_097
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_098
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_099
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_100
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_101
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_102
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_103
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_104
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_105
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_106
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_107
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_108
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_109
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_110
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_111
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_112
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_113
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_114
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_115
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_116
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_117
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_118
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_119
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_120
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_121
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_122
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_123
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_124
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_125
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_126
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_127
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_128
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_129
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_130
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_131
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_132
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_133
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_134
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_135
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_136
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_137
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_138
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_139
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_140
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_141
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_142
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_143
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_144
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_145
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_146
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_147
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_148
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_149
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_150
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_151
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_152
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_153
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_154
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_155
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_156
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_157
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_158
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_159
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_160
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_161
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_162
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_163
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_164
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_165
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_166
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_167
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_168
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_169
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_170
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_171
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_172
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_173
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_174
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_175
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_176
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_177
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_178
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_179
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_180
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_181
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_182
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_183
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_184
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_185
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_186
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_187
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_188
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_189
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_190
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_191
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_192
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_193
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_194
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_195
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_196
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_197
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_198
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_199
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_200
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_201
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_202
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_203
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_204
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_205
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_206
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_207
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_208
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_209
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_210
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_211
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_212
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_213
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_214
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_215
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_216
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_217
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_218
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_219
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_220
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_221
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_222
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_223
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_224
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_225
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_226
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_227
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_228
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_229
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_230
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_231
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_232
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_233
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_234
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_235
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_236
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_237
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_238
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_239
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_240
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_241
Raduno Mongolfiere Mondovì 2019_242
 

Foto: Beppe Sacchetto © 2019



31° RADUNO AEROSTATICO DELL’EPIFANIA – 4-6 Gennaio 2019

Torna il Raduno dell’Epifania: tre giorni di voli
Mondovì (CN)
Dal 4 al 6 gennaio 2019 - 3 giorni di voli - 28 mongolfiere , piloti italiani e stranieri


 

Mondovì, 06 Gennaio 2019

Il 31° Raduno va in scena da venerdì 4 a domenica 6 gennaio 2019. Un evento che ogni anno richiama migliaia di spettatori, proveniente da tutto il Piemonte e non solo, per vedere le coloratissime “regine dell’aria” solcare i cieli della città, donando uno spettacolo incredibile ed esclusivo.

Seguendo quanto fatto in passato, ogni giorno sono in programma due voli (indicativamente, alle 9 e alle 14,30). Tutti i voli partiranno dalla grande area verde di Parco Europa (Mondovì, CN, corso Manzoni)

Previste 28 mongolfiere, con piloti ed equipaggi italiani ed esteri. Nelle prossime settimane verranno comunicati i nomi di tutti i piloti partecipanti con i relativi palloni, comprese le “forme speciali”, e altre novità riguardanti l’edizione 2019. Si ricorda che ogni volo sarà preceduto da un briefing che si terrà al Baloonporto di Mondovì (corso Francia 18) in cui verranno analizzate le condizioni meteorologiche e che i decolli si svolgeranno esclusivamente se il meteo consentirà il volo delle mongolfiere.

OSPITE SPECIALE: LA GIGANTESCA SUPERBIKE BALLOON

Nel 2019 l’ospite specialissimo del Raduno dell’Epifania sarà la gigantesca “SUPERBIKE HOT AIR BALLOON”. Un vero gigante del cielo: alta 37 metri e lunga 46, è una delle special shape (mongolfiere a forma speciale) più larghe al mondo. Realizzata dalla Lindstrand Hot Air Balloons, è pilotata dal team olandese di Herman Kleinsmit.

I decolli si svolgeranno in assoluta sicurezza: il pubblico potrà assistere al gonfiaggio e al decollo proprio a fianco dei due grandi campi-volo, in aree idonee e rispondenti alle misure di sicurezza imposte dalle norme più recenti. Uno speaker illustrerà al pubblico il tipo di volo e il bersaglio verso sui si dirigeranno i palloni. Ogni volo costituirà una gara (con un bersaglio fissato dal direttore della manifestazione, la pilota Donatella Ricci), per decretare il nuovo “re dei cieli” di Mondovì. L’area di decollo potrà essere raggiunta anche attraverso il “trenino” offerto da AsCom-Confcommercio, che partirà dal centro storico.

Si ricorda che tutti i briefing si svolgono al Balloonporto di Mondovì (corso Francia 18, 12084, Mondovì) alle 8,30 e alle 14 e sono aperti ai giornalisti.

L’accesso ai due campi di decollo è consentito ESCLUSIVAMENTE agli equipaggi e fotografi, giornalisti od operatori autorizzati.



La storia del Raduno dell’Epifania – Mondovì e le mongolfiere

Il Raduno di mongolfiere dell’Epifania è, senza ombra di dubbio, uno degli eventi più straordinari che potete trovare non solo a Mondovì, ma in tutta la provincia di Cuneo. Come tutte le storie, anche quella delle mongolfiere a Mondovì ha le sue… leggende. Cominciamo a raccontare un po’ di storia di questa singolare manifestazione che è, a oggi, il più longevo e il più grande raduno di mongolfiere di Italia.

Mondovì e le mongolfiere
L’aerostatica italiana, oggi, deve tantissimo a Mondovì. Non è un caso che questa città venga definita da tutti “la Capitale italiana del volo in mongolfiera”. Mondovì ospita da oltre 30 anni il Raduno più importante di Italia, è l’unica città italiana ad avere un Aero Club mono-specialità dedicato alle mongolfiere ed è l’unica a possedere un porto aerostatico (il “Balloonporto”, sede del nostro Aero Club). Non solo: è la città ad aver ospitato il maggior numero di Campionati italiani di mongolfiera e nel 2009 ospitò le gare aerostatiche dei World Air Games, le Olimpiadi dell’aria.

Le mongolfiere nascono, lo sappiamo, dai fratelli Montgolfier in Francia alla fine del 1700. Lo storico pallone ad aria calda dei due fratelli Montgolfier è stato il primo aeromobile della storia ad aver portato in volo esseri umani. Poi però arrivarono i palloni a gas e i dirigibile: e così durante il 1800 e il 1900 la fecero da padrone la mongolfiera venne un po’ messa da parte. Lo sviluppo della moderna mongolfiera venne ripreso a metà del ‘900 per motivi militari, con gli esperimenti sui palloni a gas di Ed Yost e i primi studi sui nuovi materiali. Le prime mongolfiere moderne arrivarono in Italia dalla Gran Bretagna agli inizio degli anni ’70 e il primo pilota italiano “brevettato” (riconosciuto in Italia) fu Piero Porati.

Ma il primo pallone immatricolato in Italia giunse solo nel 1979: a Cuneo, anzi a Mondovì. Ed è qua che comincia la nostra storia.

Il primo pallone immatricolato in Italia venne immatricolato proprio qui, a Mondovì, nel 1979. A pilotare quel pallone era un pilota di aerei di Mondovì, Giovanni Aimo – pilota, istruttore, pluricampione.

All’epoca l’Aeroclub di Cuneo, guidato dall’ingegner Gallo Orsi, decise di includere fra le specialità dell’aeroclub anche la mongolfiera e comprò il primo pallone dalla “Cameroon” in Inghilterra – dovendo peraltro superare tutte le pastoie della burocrazia italica per ottenere l’immatricolazione di un aeromobile che nel nostro paese non era nemmeno contemplato dalle norme allora vigenti. Era la prima volta che Aimo pilotava una mongolfiera. «Fu un’emozione incredibile – racconta oggi –, sembrava un volo magico. Decisi in quel momento che la mia vita l’avrei passata sulle mongolfiere».

Di lì a poco Aimo fondò la prima scuola per piloti di mongolfiera assieme a Paolo Contegiacomo, purtroppo prematuramente scomparso in un incidente stradale. Alla scuola di Aimo si sono brevettati una quantità enorme di piloti italiani e stranieri, che vengono a Mondovì apposta per imparare a pilotare la mongolfiera nei nostri cieli.

Aimo vola stabilmente dal 1980, e con lui Paolo Bonanno – anche lui pilota e pluricampione italiano, che a oggi è il più famoso costruttore di bruciatori da mongolfiera in Italia e uno dei più conosciuti al mondo. Paolo è l’uomo che ha rivoluzionato il sistema di propulsione delle mongolfiere. Oggi in tutto il mondo ci sono palloni che montano i suoi bruciatori. Vola dal 1980, detiene 7 titoli di campione italiano, si è perfino sposato a bordo di una mongolfiera.

La storia del Raduno dell’Epifania – La nascita del Raduno (1983-1989)

Il Raduno dell’Epifania… che prima era “di Capodanno”
In realtà, il Raduno dell’Epifania… non nasce all’Epifania. Nacque come “volo di Capodanno” nel 1983, e allora i palloni erano davvero pochi. L’idea venne a Giovanni Aimo, che aveva partecipato al grande raduno svizzero di Chateau d’Oex e voleva creare una cosa simile a Mondovì. Scelse Capodanno, perché le condizioni climatiche lo agevolavano (col freddo i palloni volano meglio) e perché volevano che il raduno di Mondovì fosse “il primo dell’anno” per tutti, in un momento dell’anno in cui nel resto d’Europa nessuno vola.

Al primissimo volo di Capodanno si riunirono tre piloti: Aimo, Bonanno e Gigi Greco. L’area di decollo non era quella attuale (Parco Europa) ma un’area nei pressi del cimitero comunale.

Col passare degli anni, l’idea cominciò a contagiare piloti da altre zone di Italia, e così le mongolfiere partecipanti divennero 4, 5, 8 e l’area di decollo si spostò nel piazzale “Giardini”. Ma la data del 1 gennaio cominciò a essere considerata troppo scomoda per i piloti che venivano da lontano e che dovevano… riprendersi dai festeggiamenti del Capodanno della sera precedente. Così nel 1989, si scelse di organizzare un raduno il 5-6 gennaio.

La prima edizione, il “Mondovì Balloon Fiesta”
I piloti di Mondovì non abbandonarono mai la tradizione del volo di Capodanno. Ma quello che avvenne il 5-6 gennaio 1989 era una cosa mai vista prima: 12 mongolfiere che decollavano assieme da piazzale “Giardini”. Curiosità: la prima edizione non si chiamava ancora “Raduno dell’Epifania”, ma “Mondovì Balloon Fiesta” ed era aperta ai voli a pagamento per beneficenza, col supporto del settimanale “Provincia Granda”.
Fu un tripudio di colori assolutamente inedito in Italia. Era nata una tradizione, un legame indissolubile tra la città di Mondovì e quel simbolo colorato, magico, stupefacente che è la mongolfiera.

La storia del Raduno dell’Epifania – I primi anni

Nel 1990, al II Raduno dell’Epifania, giunsero a Mondovì oltre 20 piloti e palloni proveniente da Svizzera, Gran Bretagna, Germania, Belgio e Francia. Il Raduno dell’Epifania diventava internazionale: ma del resto quello era “quel 1990”, quello delle “notti magiche”. Sulla scia dell’entusiasmo dei Mondiali di Italia ’90, la città di Mondovì (che quell’anno ospitò i giocatori della nazionale del Costa Rica!) cominciò a intuire che questo evento poteva raggiungere una ribalta ben più ampia di quella locale.

Raduno internazionale
A partire dal 1991, la manifestazione abbandonò il nome che aveva avuto per i primi due anni, “Balloon Fiesta”, e cominciò a chiamarsi: Raduno Internazionale dell’Epifania.

Nei primi anni i decolli erano tutti da piazzale “Giardini” e il Raduno era organizzato sotto l’egida dell’Aeroclub Italia (l’Aeroclub di Mondovì non esisteva ancora: nacque nel 2005) e col supporto del Paracentro, un club di paracadutisti. Poi, col passare del tempo, il Raduno spostò l’area di decollo in altri punti: l’aviopista monregalese “Filippi”, i terreni dell’area industriale e infine “Parco Europa”, il campo di decollo attuale.

Nel 1991 , con la collaborazione di una clinica di medicina sportiva privata, si svolse un concorso di disegni per le scuole che consentì ai 30 giovanissimi vincitori di volare in cesta sopra la città e a 170 altri bambini e ragazzi di provare l’emozione del decollo in volo vincolato. Nel 1993 il Raduno avrebbe dovuto prevedere 15 mongolfiere partecipanti, ma il maltempo le costrinse a restare a terra per due giorni su tre… e così l’ultimo giorno volarono soltanto in 4.

Andò peggio ancora nel 1996, quando il meteo costrinse a terra tutti i palloni: non volò nessuno, e i piloti italiani decisero di far slittare il Raduno di un mese, riproponendo l’evento (in forma ridotta) durante le sfilate di carnevale.

Cominciò a svolgersi un appuntamento fisso come il night glow, il gonfiaggio serale delle mongolfiere. Nel 1997 il night glow fu un evento ancor più spettacolare: venne organizzato con le mongolfiere sperse in punti diversi della città che si alzarono in aria (di notte!) vincolate a terra, come nei voli frenati.

L’anno in cui il Raduno di Mondovì… non si tenne a Mondovì
Il 1999 fu l’unico anno in cui il Raduno si spostò da Mondovì, per problemi organizzativi:l’XI Raduno dell’Epifania si svolse infatti a Carrù, anche se un gruppo mongolfiere restarono comunque in città a dare spettacolo e a far volare i bambini.

La storia del Raduno dell’Epifania – L’arrivo della mongolfiera cittadina e l’Aeroclub

Cameron Z-90 G-CBED ovvero… “Città di Mondovì”
Nel 2001 a Mondovì venne varata una mongolfiera specialissima: il pallone “Città di Mondovì”. Mondovì diventava la prima città di Italia ad avere una mongolfiera istituzionale. Quel pallone (immatricolato in Gran Bretagna col nome Cameron Z-90 G-CBED – il “90” nella sigla indica il volume del pallone, 90 mila piedi cubici secondo l’unità di misura inglese).

Il pallone con la vela gialla e lo stemma del Comune era pilotato da Giovanni Aimo e restò in volo fino al 2012, quando esaurì le sue ore massime di volo. Da quest’anno, grazie alla figura dell’assessore Gianni Ferrero, la collaborazione del Comune nei confronti del Raduno dell’Epifania si intensificò ulteriormente.

Il primo Aeroclub dedicato alle mongolfiere
L’Aeroclub “Mongolfiere di Mondovì” è stato fondato il 30 giugno 2005, ha ottenuto la federazione all’Aeroclub d’Italia l’8 agosto ed è diventato operativo nel corso del successivo autunno.

Fu un passo importante per l’aerostatica monregalese, ma non solo: l’Aeroclub di Mondovì rappresenta una realtà unica nel panorama dell’aerostatica e del volo da diporto e sportivo nel nostro paese: è l’unico aeroclub monospecialità interamente dedicato alle mongolfiere in Italia. Il presidente fondatore fu Giovanni Aimo, che restò alla guida dal 2005 fino al 2011.

Nel 2011 il presidente è stato Giuseppe Forgione – all’epoca, il più giovane pilota di mongolfiere di Italia. Dal 2012 al 2017 il presidente è stato Paolo Oggioni. Dal 2017 l’Aeroclub Mongolfiere di Mondovì è presieduto da Gianni Curti.

Curti è anche l’architetto che ha progettato l’altra grande esclusiva di Mondovì: il porto aerostatico. Il “Balloonporto” è una struttura unica in Europa nel suo genere, realizzata dal Comune di Mondovì a fianco dell’area sportiva comunale. Il porto aerostatico ospita una sala briefing collegata con le stazioni meteo e un hangar in cui riporre palloni e ceste.

La storia del Raduno dell’Epifania – Palloni speciali, piloti da tutto il mondo e… matrimoni volanti

Negli anni 2000 il Raduno consolidò la sua presenza in città, diventando un’attrazione turistica fissa e al tempo stesso un evento di richiamo sempre maggiore per le mongolfiere da tutto il mondo. La notizia che i cieli monregalesi fossero fra i migliori di tutta Europa per volare (se non di tutto il mondo) si sparse fra i piloti, che vennero in massa al Raduno dell’Epifania.

Nel 2003 Mondovì ospitò anche il dirigibile della “TIM”, ma quell’anno il Raduno è ricordato soprattutto per un intoppo: un intervento della Guardia di Finanza bloccò i voli, sequestrando l’apparecchiatura per il rifornimento delle bombole a gas rilevando una carenza di autorizzazioni. I piloti volarono un giorno solo, poi furono costretti a stare a terra.

L’arrivo delle forme speciali
In questi anni si cominciarono a vedere sempre più spesso le cosiddette “special shape”, le mongolfiere dalle forme speciali.
In volo sui cieli di Mondovì si è visto… di tutto. Nel 2004 fecero spettacolo le mongolfiere gemelle della “Festo”: una coppia di palloni incredibili, con un balloon che vola.. al rovescio, attraverso una geniale trovata tecnica (la versa cesta si trova all’interno del pallone).

Nel 2005 il Raduno fu vinto per la prima volta da una donna, la croata Marija Miklousic.

Nel 2006 a Mondovì arrivò “Scottish Piper”: una mongolfiera spettacolare, alta 40 metri (fra le più alte al mondo), col pallone che riproduceva un suonatore di cornamusa scozzese, pilotato dal britannico Muir Moffat. Al Raduno 2006 partecipò anche il campione mondiale, il tedesco Uwe Schneider; fra i partecipanti vi fu perfino un pilota dall’Alaska (James Rogina) e una dal Costa Rica (Tucker Comstock). La “fiamma” del “British Gas”, altro pallone presente nel 2006
Ma il raduno 2006 viene anche ricordato per un evento… rosa: il primo matrimonio in mongolfiera della storia, fra Paolo Bonanno e la moglie Nicole MalMaillefer.

Nel 2007 il Raduno registrò addirittura una presenza dall’Australia e la partecipazione del recordman Chris Dewhirst: l’unico uomo ad aver sorvolato in mongolfiera il monte Everest. Tra le forme speciali presenti quell’anno, tutti ricordano il “Lindstrand Newspaper Financial Times”, una mongolfiera che riproduceva una copia del “Financial Times” arrotolata. Di grande impatto anche il pallone francese Chaize JZ.22-F-12, dedicata ai fratelli Montgolfier che inventarono il volo aerostatico nel 1783.

Il Raduno di Mondovì del 2007 ospitò per la prima volta la presenza dell’unità mobile del RESMA, Reparto Sperimentale di Meteorologia Aeronautica dell’AMI: un sofisticato laboratorio meteorologico containerizzato in grado di fornire previsioni meteo in tempo reale, prezioso ausilio per i piloti.

La storia del Raduno dell’Epifania – Campionati e World Air Games

Il 2008 e il 2009 furono due anni molto, molto speciali per le mongolfiere di Mondovì. La città ospitò due eventi eccezionali: nel 2008 il Campionato aerostatico italiano, e nel 2009 gli spettacolari World Air Games – le Olimpiadi mondiali dell’aria, che si svolsero in Piemonte nelle sedi di Torino, Avigliana e, per le mongolfiere, Mondovì.

Il Campionato italiano
Nel 2008, oltre a organizzare la XX edizione del Raduno, la città ospitò per la prima volta i Campionati Italiani di volo aerostatico (21° Campionato italiano). Per i piloti di Mondovì, il Campionato non era una novità: i nostri “capitani dei cieli” vi avevano partecipato fin dal primo anno, il 1988, e ne sono sempre stati i dominatori ai vertici.

Nella primissima edizione del 1988 Paolo Bonanno arrivò secondo e Giovanni Aimo terzo; a tutt’ora Aimo è il pilota con più podi in Italia (23: 7 primi posti, 10 secondi e 6 terzi), a parità di “ori” con Bonanno (7 titoli, di cui 3 di fila). Dal 1989 al 1997 il titolo è stato sempre vinto da uno dei due (inoltre Paolo Oggioni, sempre di Mondovì e presidente dell’Aeroclub 2012 al 2017, detiene tre titoli). Direttore di gara fu lo statunitense David Levin. Alla fine delle gare, Paolo Bonanno si confermò campione e questa volta “a casa propria”
Ma non era che un preambolo a quello che avvenne l’anno seguente. Il Campionato italiano 2008 fu infatti il test-event per un evento di portata mondiale, unico nel suo genere, che arrivò l’anno successivo: i World Air Games 2009.

World Air Games 2009: le Olimpiadi dell’aria I World Air Games – WAG – sono una sorta di Olimpiadi dell’aria, che prevedono tutte le specialità aeree: gare di acrobazia, ultraleggeri, paracadutismo, elicotteri, deltaplano e fra gli altri, anche le mongolfiere. Nel 2007 la FAI (Federazione Aerostatica internazionale) annunciò che i WAG 2009 si sarebbero svolti in Italia, a Torino. La maggior parte delle gare si svolse a Collegno (acrobazia, elicotteri, paracadutismo, ultraleggeri). Ad Avigliana si svolsero le gare di deltaplano e parapendio. Mondovì fu la sede scelta per le gare aerostatiche. La mongolfiera “Città di Mondovì” presenziò alla cerimonia di apertura a Torino e la città raggiunse la ribalta mondiale nel mondo aerostatico.

Le gare di mongolfiera dei WAG 2009 si svolsero a Mondovì dal 7 al 13 giugno. Fu un evento eccezionale per la città, che per la prima volta cominciò a vedersi davvero come “Capitale delle mongolfiere”. La cerimonia di apertura fu una grande festa, alla presenza delle autorità locali e della delegazione della FAI, che colorò il rione di Mondovì Breo con equipaggi provenienti da tutto il mondo. Ai WAG – specialità ballooning parteciparono 28 piloti di 21 diversi Paesi. Ci fu anche una sorta di “fiamma olimpica” accesa in città… che altro non era che un bruciatore, quello del pilota italiano Igor Charbonnier, rappresentante dei colori italiani alla competizione.

L’organizzazione dell’evento fu affidata all’Aeroclub di Mondovì (all’epoca presieduto da Giovanni Aimo), che condusse l’evento con un enorme sforzo di coordinamento e gestione. Nessun pilota di Mondovì prese parte alle gare. A contendersi il titolo di campione mondiale c’erano alcuni fra i migliori piloti al mondo, come l’allora campione mondiale Francois Messines, il vincitore della prima edizione dei WAG Uwe Schneider, il giapponese Masahiko Fujita, vincitore della seconda edizione svoltasi in Andalusia, gli statunitensi John Petrehn e Joe Heartsill, già campioni del mondo rispettivamente nel 2006 e nel 1995. Direttore di gara fu lo statunitense David Levin (lo stesso che diresse i Campionati 2008). Paolo Bonanno, fu il responsabile della sicurezza dell’evento. La giuria internazionale era presieduta da Jean Claude Weber, presidente della Commissione Internazionale per l’Aerostatica della Federazione Aeronautica Internazionale.

Le gare furono tutti task molto impegnativi, seguiti digitalmente con i tracker installati a bordo dei palloni. L’evento ebbe anche un momento… da brivido, quando la mongolfiera del pilota francese Jean-Pierre Heleu andò a scontrarsi contro un cavo elettrico (per fortuna evitando gravi conseguenze). Il podio finale si concluse con un doppio piazzamento tedesco: primo posto per Sven Goehler, secondo per Uwe Schneider. Al terzo posto lo statunitense Joe Heartsill. Il team Charbonnier ce la mise tutta: il pilota italiano raggiunse la seconda posizione nella penultima giornata di gare, poi un imprevisto problema al pallone lo costrinse a dire addio al podio, piazzandosi comunque all’ottavo posto nella classifica finale, un grandissimo risultato per un italiano.

L’evento sportivo fu “contornato” da una serie di “voli fiesta” (extra campionato), coordinati da Paolo Oggioni: una sorta di meeting estivo che fu vinto dal pilota svizzero Peter Blaser, davanti a Oggioni che si classificò secondo.

I World Air Games del 2009 rappresentano un vero punto di svolta per la storia delle mongolfiere a Mondovì: quell’anno la città divenne a tutti gli effetti uno dei posti più famosi al mondo per il volo in balloon, guadagnandosi il titolo di “Capitale delle mongolfiere”. In quegli anni il Raduno dell’Epifania raggiunse i suoi massimi livelli in quanto a partecipazione, con circa 40 mongolfiere in volo nei cieli di Mondovì.

La storia del Raduno dell’Epifania – Gli anni dei campioni

Sull’onda del successo strepitoso dei Campionati italiani 2008 e soprattutto dei WAG, i World Air Games del 2009, gli anni seguenti furono probabilmente quelli con la maggior partecipazione nella storia del Raduno Aerostatico di Mondovì, almeno in termini di palloni presenti.

Inoltre la presenza di una struttura come il Balloonporto e l’esistenza dell’Aero Club Mongolfiere di Mondovì (tutt’ora l’unico aero club mono specialità dedicato alle mongolfiere) consentì alla città di Mondovì di continuare a imporsi nel mondo aerostatico come vera “Capitale italiana del volo in mongolfiera” e ospitare i Campionati aerostatici italiani per molte altre volte negli anni a venire: le gare si disputarono qui nel 2010, 2012, 2014, 2015 e 2017.

L’edizione del 2010 contò 38 mongolfiere in gara. Tra i partecipanti, anche Stefan Zeberli, Campione d’Europa 2009. Nello stesso anno volò nei cieli di Mondovì anche il dirigibile ad aria calda Thunder-Colt AS-105 GD della “Liu Jo”, pilotato da Mauro Oggero, che svolse ripetuti atterraggi di precisione a Parco Europa, arrivando a posare il carrello anteriore su un minuscolo bersaglio posto in un angolo del parco, tra gli applausi del pubblico. Un aviomezzo quasi analogo volò anche nel 2012, il grande dirigibile blu della “Euronics” pilotato da Pietro Contegiacomo.

Nel 2012 e 2013, per due anni di fila, le gare del Raduno videro trionfare un pilota giovanissimo – aveva 25 anni all’epoca della sua prima vittoria -, lo svizzero David Hochreutner (col pallone Blaser).

Nel 2013, per la prima volta da 12 anni, il Raduno dell’Epifania non vide più alzarsi in cielo la mongolfiera istituzionale “Città di Mondovì”: il pallone dalla vela gialla, con la sagoma del profilo della torre stampata a fianco dello stemma cittadino, aveva esaurito il suo massimo di ore di volo, e il Comune decise di non proseguire rinnovando l’immatricolazione. Il pallone cittadino tornerà solamente nel 2018, con una foggia completamente diversa.

 

 

    Foto Beppe Sacchetto

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    Foto - Città - Eventi - Attualità - Cerimonie - Web

    vbs50©1998

 

 

 



Generato da JAlbum & Chameleon