Up Lmx - Un sogno italiano degli Anni '60 al Mauto di Torino Slideshow

_DSF5250
_DSF5252
_DSF5256
_DSF5259
_DSF5263
_DSF5271
_DSF5288
_DSF5295
_DSF5313
_DSF5324
_DSF5335
_DSF5350
_DSF5351
_DSF5352
_DSF5363
_DSF5366
_DSF5368
_DSF5372
DSCF6895
DSCF6901
DSCF6904
DSCF6912
DSCF6914
DSCF6919
DSCF6920
DSCF6923
DSCF6927
DSCF6930
DSCF6932
DSCF6935
DSCF6939
DSCF6941
DSCF6949
DSCF6958
DSCF6961
DSCF6966
DSCF6970
DSCF6975
DSCF6978
DSCF6980
DSCF6987
DSCF6990
DSCF6999
DSCF7002
DSCF7008
DSCF7014
DSCF7017
DSCF7030
DSCF7035
DSCF7041
DSCF7044
DSCF7054
DSCF7061
DSCF7066
DSCF7069
DSCF7075
 

Foto: Renato Valterza © 2022



LMX - UN SOGNO ITALIANO DEGLI ANNI '60 AL MAUTO DI TORINO

 

Torino, 13 Settembre 2022

La carrozzeria della LMX Sirex fu disegnata da Franco Scaglione e l'auto venne presentata nel 1968 al Salone dell'automobile di Torino. Tuttavia non avendo, Liprandi e Mandelli, il denaro necessario per l'affitto di uno stand ufficiale, l'auto fu esposta nella "exhibition hall" del salone.

L'auto era equipaggiata con il motore V6 di 2.3 litri di cilindrata della Ford Taunus, anche se i clienti potevano scegliere un propulsore diverso nel caso lo desiderassero.

LMX produsse appena 30 esemplari con carrozzeria chiusa e 2 in versione spider tra il 1968 e il 1972, tutti assemblati a Torino dalla Eurostyle. Dopo il fallimento delle due aziende, nel 1973 i restanti 20 autotelai, vennero allestiti dalla SAMAS con interni di diversa fattura e turbocompressore May-Bosch, per essere venduti sul mercato elvetico.

Della storia di questa macchina se ne è sempre saputo pochissimo. Nel corso degli anni me ne sono appassionato perché è un'auto diversa dalle altre. Un amore che è cresciuto poco alla volta. E' una storia affascinante che purtroppo è finita come tante vicende italiane" racconta il collezionista Montalbano all'inaugurazione della mostra.

"Nell'affascinante percorso del Mauto, la storia dell'automobile è un susseguirsi di evoluzioni stilistiche e innovazioni tecniche, di intuizioni geniali e di passioni indomabili, che hanno accompagnato e talvolta anticipato, lo stile di vita della nostra società" osserva Mariella Mengozzi, direttore del Mauto.

"L'Asi (Automotoclub Storico Italiano) ha nel suo Dna la capacità e la determinazione di scoprire e valorizzare storici e appassionati che con le proprie opere possono aggiungere un tassello a quel mosaico affascinante e avventuroso che è la storia del Motorismo Mondiale. E' il caso di questa mostra" aggiunge Stefano Chiminelli, amministratore delegato di Asi Service.

 

 

    Foto Renato Valterza

 

 

   VBS50 Network Photography Torino

    https://www.vbs50.com - info@vbs50.com

    FotoCronaca - Reportage - Servizi Fotografici - Web

    vbs50©1998

 

 

 




Generato da JAlbum & Chameleon | Aiuto